Facebook minaccia l’interruzione dei propri servizi

Posted on 25 settembre 2020 by Paola Generali in 2020, News

A seguito dell’annullamento del Privacy Shield (C-311/18), la Commissione Irlandese per la Protezione dei Dati ha intimato a Facebook di sospendere i trasferimenti dei dati degli utenti europei verso i server situati negli Stati Uniti, per timore di ingerenze da parte del governo statunitense.

In seguito a quest’ordine, la responsabile della protezione dei dati di Facebook ha reso nota la possibilità che il social interrompa la fornitura di servizi nei confronti dei 410 milioni di utenti residenti nell’Unione Europea.

A giustificare questo possibile esito, ci sarebbe la convinzione di un atteggiamento discriminatorio nei confronti di Facebook, unica azienda americana destinataria di così rigide ingerenze da parte del regolatore europeo.

Dal colosso di Menlo Park fanno sapere però che non è in programma alcun oscuramento dei servizi, sebbene il trasferimento dei dati tra UE e USA rappresenti elemento alla base dell’intero modello di business del social media.

Quanto sta accadendo, se da una parte evidenzia il timore di Facebook di vedere i propri guadagni compromessi, dall’altra rappresenta chiaro indice del ruolo del social media, che, tramite quella che potrebbe definirsi una minaccia, tenta di forzare il regolatore a modificare la sua decisione.

 

Posted by Paola Generali

Managing Director Getsolution

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *